Talenti inclusivi

Alunni con bisogni educativi speciali (BES) e plusdotazione

La normativa 

La Direttiva Ministeriale del 27/12/2012 e le successive circolari ministeriali   hanno approfondito il significato di “bisogno educativo speciale” contenuto nella L270/2010. 

La Direttiva Ministeriale stabilisce che i bisogni educativi speciali si riferiscono ad una gamma piuttosto ampia di necessità: disabilità (L.104), svantaggio socio- economico, linguistico, culturale, disturbi evolutivi specifici, deficit del linguaggio, dell’attenzione, iperattività, del coordinamento, disturbi specifici di apprendimento. 

Questo spazio è dedicato a tutti gli alunni con bisogno educativo speciale , non riferito alla L.104.

La stessa Direttiva Ministeriale conferma quanto contenuto nella  Legge 270/2010: è necessario individuare strategie e metodologie  di intervento rispondenti alle necessità educative speciali degli alunni e degli studenti.

 I percorsi dell’alunno con bisogno educativo speciale si ispirano ai principi di personalizzazione, come stabilito anche dalla L.53/2003. La presa in carico dell’alunno è di tutto il team o del Consiglio di classe che redige, in accordo con la famiglia, il piano didattico personalizzato (PDP).

Successivamente nella Nota Ministeriale 562/2019 è stato ribadito cosa si intende per bisogno educativo speciale e la necessità di predisporre azioni di cura e di personalizzazione per alunni in difficoltà. La Nota ha un ulteriore aspetto di grande interesse: fa riferimento, finalmente, agli alunni con plusdotazione e/o alto potenziale intellettivo. A livello internazionale questi alunni sono definiti “gifted children” …. A seguito dell'emanazione della Direttiva 27.12.2012, molte istituzioni scolastiche hanno considerato tali alunni e studenti nell'ambito dei Bisogni Educativi Speciali. Tale prassi, assolutamente corretta, attua la prospettiva della personalizzazione degli insegnamenti, la valorizzazione degli stili di apprendimento individuali e il principio di responsabilità educativa”. (cit. N.M. 562/2019). 

 Anche in questo caso, dovesse manifestarsi la necessità, è tutto il team docenti o il Consiglio di Classe che si fa carico dell’alunno attivando strategie rivolte alla classe, a lui e predisponendo un PDP.

L'alunno plusdotato e/o ad alto alto potenziale cognitivo

La Nota Ministeriale 562/2019 non specifica, però, le caratteristiche dell'alunno con plusdotazione. L’ alunno con plusdotazione ha un alto quoziente intellettivo, ma lo sviluppo delle capacità emotive e delle capacità cognitive non procedono di pari passo. Le sue capacità sono molto superiori alla media, è avanti di due classi rispetto alla sua età anagrafica, mentre il suo sviluppo emotivo è adeguato all'età: ne consegue che l’alunno può manifestare disagio per questa incongruenza. 

E' necessaria  un’attenzione speciale a questa condizione complessa, finalizzata a favorire la sua formazione e utile ad evitare che l'alunno (o lo studente) sviluppi  conflitti con se stesso e/o con la classe. Anche  in questo caso è indispensabile attivare strategie inclusive rivolte sia  ai compagni di classe sia alle classi più alte, tenendo presente il bisogno di partecipare ad esperienze di apprendimento adeguate alle sue  notevoli capacità cognitive.

Le strategie adeguate vanno inserite nel PDP che, come sempre, va concordato con i genitori. 

L'insieme delle pratiche e delle procedure utilizzate di debbono ispirare alla “gifted education”,

intesa come educazione del talento come scritto nella Nota Ministeriale 562/2019. 

L'approccio ispirato alla “gifted education” è a vantaggio di tutti i bambini e i ragazzi poiché ognuno ha in sé talenti  da sviluppare. 

Cosa offre il nostro Istituto? - La rete “Talentinclusivi”

Il nostro Istituto Comprensivo è capofila per l'Emilia Romagna della rete “Talentinclusivi”. Fanno parte della rete altre dieci regioni italiane. La rete ha come obiettivi l'informazione riguardo ai temi della plusdotazione e della “gifted education”, l'informazione alle famiglie, la formazione degli insegnanti per la didattica della plusdotazione e per la didattica dello sviluppo dei talenti.

 Dall'inizio dell'anno scolastico 2021/22 la rete “Talentinclusivi” ha già promosso occasioni di formazione di personale docente, anche del nostro dell'Istituto:

  • scuola autunnale Talentinclusivi – ottobre 2021;
  • due incontri di informazione online rivolti a riconoscere gli alunni plusdotati all'interno delle classi, quattro incontri per il confronto sui diversi modelli di PDP; 
  • incontro in presenza “Il dono del talento” organizzato in accordo tra il nostro Istituto Comprensivo, l'IC2 di San Lazzaro e il Comune di San Lazzaro ( mediateca di San Lazzaro di Savena – 23/03/2022).

L'obbiettivo da perseguire ora è la formazione per i docenti, l'ascolto e l'informazione  ai genitori finalizzati a far si che l'alunno con plusdotazione e i suoi compagni possano trovare le risposte adeguate alla loro crescita.



Informazioni dettagliate sugli eventi organizzati riguardo alla plusdotazione sono

già presenti sul sito alla voce “Talentinclusivi”.

SCUOLA AUTUNNALE TALENTINCLUSIVI – OTTOBRE 2021

  • Programma scuola autunnale_talentInclusivi
  • Bovino_PRESENTAZIONE SCUOLA AUTUNNALE
  • Brazzolotto_ SCUOLA AUTUNNALE_15_10_21
  • Brazzolotto_16_10_2021_SCUOLA AUTUNNALE
  • Brazzolotto_PDPst_allegati libro
  • Olivieri- Plusdotazione e formazione dei talenti a scuola

INCONTRI DI FORMAZIONE ONLINE

https://drive.google.com/file/d/15o8kAIUgScMN3JQf1W8xvlqvYV5CzzMZ/view?usp=sharing

https://drive.google.com/file/d/1UysBbH4tui6JDbcmrp-rKXfZyl8NHp8U/view?usp=sharing

“IL DONO DEL TALENTO” - 23 MARZO – MEDIATECA DI SAN LAZZARO

https://urlsand.esvalabs.com/?u=https%3A%2F%2Fspanizzo.comune.sanlazzaro.bo.it%2Fgli-incontri-

formativi%2F296-il-dono-del-talento-riconoscere-i-bambini-ad-alto-potenziale-e-rispondere-ai-loro-

bisogni&e=ee15bcef&h=8fdbfe57&f=y&p=n

BIBLIOGRAFIA

  1. Brazzolotto “La didattica per lo sviluppo dei talenti” Pitagora Editrice Bologna
  2. Brazzolotto“La didattica per la plusdotazione attraverso lo sviluppo dei talenti” Pitagora Editrice

Bologna

  1. Margiotta La scuola come laboratorio per la formazione dei talenti” Edizioni Volta la Carta

“Gates- 2” Istituto di ortofonologia - scale per l'individuazione degli studenti con plusdotazione

“Le scale Renzulli” ed. Erickson - scale per l'individuazione degli studenti con plusdotazione

Allegati
CIRCOLARE CORSO PLUSDOTAZIONE modelo SEM (1)_rete piemonte_1.pdf
Gruppo Formatori Rete TalentInclusivi_1.pdf
Accordo di rete -TALENTINCLUSIVI_26_04_22_1.pdf